Etichettato: ramones

Di come le cover non sono karaoke.

Top Ten del secondo me.

Fare una cover non è karaoke.

È tra le cose più difficili che un bravo musicista possa decidere di fare quando ha un faro puntato in faccia e millemila o anche solo cinque persone davanti.

Perché fare la cover di un pezzo di successo può far scattare il confronto, e nessuno vuol far pensare al proprio pubblico di aver buttato i suoi soldi per andare a sentire uno che cavolo, bravino, ma vuoi mettere la-band-originale.

Ci sono state decadi musicali in cui le cover erano socialmente accettate, e anzi spesso la cover di un pezzo altrui poteva legittimamente portarti sulle vette delle classifiche mondiali, facendo dimenticare l’originale senza che qualcuno se la prendesse.

Sarebbe troppo facile fare l’esempio di “The man who sold the world” dei Nirvana, tecnicamente *di* David Bowie, anche perché non è stata davvero una hit.

Probabilmente il successo più successo che sia mai stato scippato ad un’altra cantante è l’indimenticato “I will allways love you”, che ha sciolto i cuori delle ragazzine degli anni Ottanta con la voce di Whitney Houston. In realtà ogni singolo acuto era di Miss Dolly Parton, con sbuffare di vestitini rosa ed esse arrotolata da cantante country.

Poi è arrivato X Factor e le cover sono diventate pezzi famosi cantati da sconosciuti con la base registrata, e un numerino sotto per televotare. E allora oggi se dici “cover” l’immaginario comune pensa a cose tipo Giusi Ferreri che canta Tenco, e per questo Simona Ventura brucerà all’inferno.

Epperò io le cover, quelle fatte da gente che sa cosa sta facendo, le adoro. Perché suonando quelle è come se il tuo cantante preferito ti aprisse la porta della sua stanza di adolescente, dove accennava i primi accordi di chitarra cantando le canzoni dei suoi miti.

Come se scendesse dal palco e si mettesse anche lui vicino a te, ad ascoltare il dio della serata con il microfono in mano, proprio come stai facendo tu con lui in quel momento.

Fare una cover è come dire ‘avrei voluto scriverla io’. Continua a leggere